Intorno all’età di 2 anni il bambino comincia ad opporsi a tutto quello che viene richiesto dai genitori (anche cose molto banali come ad esempio venire a tavola o mettere il cappottino per uscire)
e questo mette spesso a dura prova la loro pazienza ma…
credo sia utile ricordare che in questa fase il bimbo non vuole fare
continui affronti o dispetti ai genitori!

Il bambino ha infatti scoperto che attraverso il “no” può affermarsi
come individuo e differenziarsi dai genitori e lo usa per affermare la sua indipendenza.
È il segnale che il processo che lo condurrà all’autonomia sta proseguendo! :-)


Capisco che alcuni genitori possano stupirsi, rimanere male, affaticarsi
o arrabbiarsi per i continui rifiuti, proteste e capricci ma in realtà
il vostro bambino è solo più consapevole di se stesso e di essere un individuo distinto dalla madre e dal padre.
Questa fase andrebbe quindi letta come un tentativo del bimbo
di affermare la sua volontà e autonomia!
Poiché questo periodo durerà circa un anno vediamo insieme quali atteggiamenti per il genitore è utile adottare.

Cosa il genitore può evitare di fare.

1. Il consiglio che posso dare ai genitori in questo momento è di non essere troppo autoritari e severi…è inutile arrabbiarsi e punirlo!
Si impunterà ancor di più iniziando a piangere e urlare e ricomincerà non appena si presenta un’altra situazione.

Meno che mai può essere utile picchiarlo!...non ha nessun valore
educativo: ferisce solamente il bambino e gli insegna ad obbedirci
per paura non perché comprende l’importanza di ciò che gli chiediamo!

2. Risolutezza, fermezza e determinazione nel mettere regole sono importanti perché i limiti trasmettono sicurezza al bambino tuttavia è bene non eccedere con la severità e con la quantità di regole o di no poiché il bimbo è ancora piccolo ed ha bisogno di sentirsi libero di esprimersi e di sperimentare.
Inoltre se le regole sono molte diventa proprio difficile per il bimbo
rispettarle tutte: vietate solo le cose essenziali!
(Come può essere ad esempio mettere le mani nella presa della corrente)
Leggi anche: “Sarà viziato o capriccioso? Quante regole dare ad un figlio e come darle?”

3. Evitate di etichettare il vostro bimbo con espressioni generiche come “sei cattivo!”, “sei monello!” oppure “combini solo guai” piuttosto usate affermazioni come “non mi piace come ti stai comportando!” che si riferiscono allo specifico momento/comportamento.
Le etichette feriscono il bambino e finiscono per funzionare come una profezia che si autoavvera: cioè se ad esempio dite sempre al vostro bambino che è un discolo disobbediente finirà per esserlo.

Cosa il genitore può cercare di fare.

1. Di fronte ai suoi capricci utilizzate tanta fantasia, tantissima pazienza e autocontrollo…In modo da condurre il bimbo a fare ciò che desiderate senza mettervi a fare una lotta estenuante con lui!
Ad esempio il problema è che non vuole lasciare il gioco per fare il bagnetto? Piuttosto che sgridarlo cerchiamo di incuriosirlo: mettiamo un giochino che gli piace molto nell’acqua e diciamogli che c’è una sorpresa!

2. Quando vi rivolgete a lui offritegli diverse possibilità.
Ad esempio se state per uscire e dovete fargli mettere il cappotto “vuoi il cappotto rosso o quello giallo?”; oppure se state cenando ed avete cucinato due contorni “vuoi le zucchine o le carote?”.
In questo modo è più probabile che eserciti la sua volontà scegliendo piuttosto che affermando no! :-)

Non resta che augurarvi un grande in bocca al lupo!

© Copyright 2012. Tutti i diritti riservati. 03/10/2012
Autore: Dott.ssa Sara Siniscalchi

TI È STATO UTILE QUESTO ARTICOLO?
E QUAL È LA TUA ESPERIENZA CON I CAPRICCI DI TUO FIGLIO?
QUALE STRATEGIA HAI ADOTTATO FINORA?
LASCIA IL TUO COMMENTO QUI SOTTO!



Figli timidi e solitari: come comportarsi? Cinque consigli se hai un bambino timido o solitario.Leggi l'articolo

Nove consigli per una crescita più equilibrata e serena dei propri figli.Leggi l'articolo

Come gestire gelosia e reazioni del primogenito quando nasce un fratellino?Leggi l'articolo

Come affrontare l'arrivo di un fratellino? Qualche consiglio.Leggi l'articolo

Tuo figlio odia il seggiolino? Qualche consiglio pratico per viaggiare bene!Leggi l'articolo

Allattamento A Richiesta? Al seno o artificiale? Risvolti psicologici e qualche consiglio!Leggi l'articolo

Come comportarsi nella Fase dei perché? Ecco 5 consigli.Leggi l'articolo

Come comportarsi nel Periodo dei No? 5 passi per affrontarlo nel migliore dei modi!Leggi l'articolo

Insegnare a tuo figlio l’amore per la lettura? I 7 segreti.Leggi l'articolo

Come leggere al tuo bambino? Ecco 7 consigli!Leggi l'articolo

Come favorire il linguaggio nel bambino? Ecco qualche suggerimento!Leggi l'articolo

Bambini e Videogiochi…come comportarsi?Leggi l'articolo

Cosa fare se tuo figlio dice parolacce?Leggi l'articolo

Bambini e sport? Ecco le 5 Regole d’oro da seguire se tuo figlio fa sport.Leggi l'articolo

Come giocare col proprio figlio? 8 segreti per offrirgli il regalo più bello!Leggi l'articolo

I segreti di un buon inserimento al nido o alla scuola materna! Come aiutare il tuo bambino…Leggi l'articolo

Cosa fare quando i bimbi litigano o si picchiano?Leggi l'articolo

Sarà viziato o capriccioso? Quante regole dare ad un figlio e come darle!Leggi l'articolo

Fino a che età è giusto allattare?Leggi l'articolo

Pipì a letto? Cosa fare e come comportarsi!Leggi l'articolo

Come fare per togliere il pannolino?Leggi l'articolo

Incubi notturni?Leggi l'articolo

Come ascoltare efficacemente i propri figli.Leggi l'articolo

I Bambini e la TV?
Quanta e come.
Leggi l'articolo

Lettino o Lettone?Leggi l'articolo

Mangerà abbastanza?Leggi l'articolo

Svezzamento?
9 consigli per gestirlo al meglio.
e-book scaricabile

7 passi per imparare a gestire un bimbo che non dorme. e-book scaricabile

Balbuzie?
7 Consigli super-utili
per aiutare il tuo bambino.
e-book scaricabile

Problemi a tavola con il tuo bimbo?
Come comportarsi per gestire al meglio tuo figlio ed il rapporto con il cibo.
e-book scaricabile

*Nome:
*Cognome:
*Indirizzo e-mail:
*Commenta questo articolo: